Fiaba Azzurro Ceno 2011

I vincitori dell'edizione 2011

Una Fiaba Azzurro Ceno

Fiaba Azzurro Ceno 2011

 

 

Sezione Scuola dell’Infanzia

FIABA VINCITRICE

“Mamma volpe” scritta dai bambini della 1^ Sezione della Scuola dell’Infanzia di Varano de’ Melegari (PR).

MOTIVAZIONE: 

Racconto semplice e logicamente coeso. Propone un contenuto della tradizione orale e dell’esperienza contadina: “La volpe mangia le galline”. Il finale giustifica il comportamento della volpe che va alla ricerca di cibo per sfamare i piccoli e del cacciatore che riconosce la necessità.

Dal punto di vista strutturale-formale c’è una buona inferenza da fare per comprendere il testo: come ogni mamma, la volpe deve nutrirsi bene per avere il latte per i cuccioli.

 

FIABA SEGNALATA

“Alcune volte anch’io sono così” scritta dai bambini della Scuola Comunale dell’Infanzia Millecolori di Parma.

MOTIVAZIONE: 

Racconto leggero, adeguato al tema e narrato con le parole dei bambini. Testo semplice, scorrevole e piacevole da leggere.

 

FIABA SEGNALATA

“Merlino tartarughino e la magia dell’amicizia” scritta dai bambini della Scuola dell’Infanzia paritaria C.I.F. di Ferrara.

MOTIVAZIONE: 

Veramente apprezzabile il lavoro dei bambini che, oltre a creare la storia, l’hanno anche rappresentata attraverso vivaci disegni.

 

Sezione Scuola Primaria

FIABA VINCITRICE

 “L’osso magico”” scritta da Caterina Pantoli di Forlì.

MOTIVAZIONE: 

Questa piccola fiaba denota la tendenza a sfuggire la realtà banale immettendo elementi primi di ovvietà e con la rapidità tipica della sensibilità infantile. La ricerca di soggetti originali e di soluzioni fantastiche sembra nascere da una reale freschezza immaginifica non edulcorata da facili suggestioni televisive e imbonimenti scaturiti da morali rassicuranti. Illuminante esempio di scrittura libera e coinvolgente.

 

FIABA SEGNALATA

 “La conchiglia spezzata”” scritta da Michele Babini e Federico Flamigni della Classe 3^ della Scuola Primaria “G. Pascoli” di San Vittore di Cesena.

MOTIVAZIONE: 

Colpisce la tendenza alla drammaticità nei rapporti dei soggetti e l’ambientazione novecentesca, evidenziata dal simbolismo della conchiglia, che permette l’ascolto delle cose, irraggiungibili per la loro lontananza. La conchiglia infatti è simbolo di precisione e di definitivo abbandono alla magia di ciò che non si riesce a trattenere, in questo caso l’amicizia, un eco perduto per noi adulti, una sirena chiassosa invece per i fanciulli.

 

FIABA SEGNALATA

“I porcellini colorati” scritta dai bambini della pluriclasse 2^ e 3^ della Scuola Primaria di Isola di Compiano – Istituto Comprensivo di Bedonia (PR).

MOTIVAZIONE: 

Fiaba pertinente al genere di “racconti per ragazzi”. Ben scritta, di lettura scorrevole e più vicina ad un vissuto reale. Inoltre è portatrice di un importante messaggio a carattere sociale.

 

Sezione Scuola Secondaria di 1° Grado

FIABA VINCITRICE

 “Tutti uguali noi cinghiali” scritta da Giacomo e Tommaso Cavalieri della classe 2^B – Scuola Media Statale “Via Pascoli” di Cesena.

MOTIVAZIONE: 

Favola originale nella scelta dei personaggi, animali che mantengono, valorizzandole, positive caratteristiche umane. 

Evidente la sensibilità ai valori dell’amicizia, dellìaiuto reciproco e dell’attenzione per l’ambiente.

La struttura del testo è agile, vivace e accattivante, adatta alla lettura degli adolescenti.

 

FIABA SEGNALATA

 “Nessuno vuole essere diverso” scritta da Giulia Foschi della classe 2^B – Scuola Media Statale “Via Pascoli” di Cesena.

MOTIVAZIONE: 

La fiaba presenta una buona struttura, con linguaggio e lessico corretti, adeguati a lettori di ogni età. Il contenuto, scientificamente nuovo, è molto originale.

 

FIABA SEGNALATA

 “Clara e il cane magico” scritta da Giada Cordani della classe 1^D della Scuola Media “P. Zuffardi” di Fornovo di Taro (PR)

MOTIVAZIONE:

La fiaba si snoda intorno ad un’idea semplice ma credibile e si risolve felicemente in amicizia fedele tra un cane speciale e una ragazza.

Lo stile narrativo è fluido e avvincente, adatto alla lettura dei ragazzi.

 

Sezione Scrittori Individuali

FIABA VINCITRICE

 “Dolce Liquirizia” scritta da Pamela Castaldi di Roccaravindola (IS)

MOTIVAZIONE: 

Si tratta di una favola che si snoda attraverso una narrazione ricca di originalità, sentimento e poesia. Attraverso le vicissitudini di una gattina nera, vittima del pregiudizio, il lettore ha la possibilità di riflettere sui comportamenti umani e comprendere la necessità di superare gli stereotipi. Il finale a sorpresa restituisce dignità e valore alla protagonista 

 

FIABA SEGNALATA

“Due topi in barca-scarpa” scritta da Vanni CAmurri di Quistello (MN).

MOTIVAZIONE: 

Lo stile garbatamente ironico e la narrazione, chiara e coinvolgente, rendono gradevole la lettura di questa favola che esalta i valori della solidarietà e dell'amicizia. I due topi protagonisti e l'ambiente in cui agiscono sono descritti con ricchezza di particolari attraverso un percorso che si conclude con la “conversione del bullo”.

 

FIABA SEGNALATA

“La bambina che non sapeva oltrepassare le porte” scritta da Maria Cristina Landriani di Modigliana (FC).

MOTIVAZIONE: 

E' un racconto ben costruito e vicino al mondo dell'infanzia dove un blocco emotivo può diventare una difficoltà insuperabile.

In questo caso l'aiutante principale sarà proprio un animale domestico che col suo affetto e la sua vicinanza, saprà condurre la protagonista alla risoluzione del problema. L'efficacia comunicativa del linguaggio animale emerge con chiarezza in tutta la sua importanza

 

Articolo inserito il 23/05/2011

Share |